Top 5: I cinque migliori autori di supereroi

Ebbene si, ora è tempo di un’altra Top 5 e come dice il titolo è mia intenzione parlare di quelli che considero i migliori autori in campo super-eroistico. Lavorare al progetto “Dossier: Ultimate Waffe” mi ha costretto a un lavoro di documentazione certosino non solo storico (l’ambientazione della Seconda Guerra Mondiale è decisamente vasta, per usare un eufemismo), ma anche di genere.
Ho snobbato per anni i fumetti dei super-eroi trovandoli spesso banalotti e bi-dimensionali; negli ultimi anni alcuni autori (presenti in questa mia personale classifica) sono riusciti a farmi cambiare idea.

Ma iniziamo.

5) Allan Moore. Semplicemente l’icona del fumetto moderno. Solo con “Watchmen” ha di fatto sovvertito e innovato qualsiasi concezione di super-eroe mascherato fino ad allora possibile, generando un capolavoro. Ma è anche andato avanti producendo altri capolavori come “V for Vendetta”, “Top Ten”, “La lega degli straordinari Gentlemen”. Precursore.

4)Mark Waid. Una discreta di autore di fumetti che raggiunge l’apice con la creazione della saga “Irredeemable” e del suo protagonista in negativo, il Plutoniano. Waid ci mostra la malvagità e la consapevolezza di cosa può fare veramente chi ha nelle mani il potere di un dio quando si vota al male. Estroso.

3)Garth Ennis. Ha sicuramente scritto tra le più belle (a questo riguardo vi rimando a questo mio post: https://nicolacorticelli.wordpress.com/2011/12/19/recensione-the-punisher-kills-the-marvel-universe/) e crudeli storie del “Punitore”; questo ha certamente influenzato Ennis che ha poi creato l’incredibile saga dei “The boys”. Genio, sregolatezza uniti a un sadico umor nero, prima sconosciuto negli eroi mascherati. Policitally Scorrect.

2)Joseph Michael Straczynski. In quasi in ogni cosa in cui ha messo le mani ha sempre messo un tocco personalissimo e originale (anche se onore della cronaca gli hanno attribuito il soggetto del film su “Thor” di Branagh, veramente brutto) creando saghe stupende come “Rising Star”, “Supreme Powers”, “The Twelve”. La forza dei suoi personaggi è che sono reali, veri, plausibili; non super-eroi, ma uomini con super-poteri.
E’ secondo solo per un soffio. Perfetto.

1)Warren Ellis. Genio e non posso dire altro. Ha rigirato come un guanto il concetto di super-eroe e di super-essere lasciando il mondo senza fiato; opere come “Supergod” (di cui rimando alla mia recensione:https://nicolacorticelli.wordpress.com/2011/10/16/recensione-supergod-fumetto/) e “Black Summer” sono semplicemente epocali. Fenomeno.

Annunci

Pubblicato il 28 dicembre 2011, in Articoli, Fumetti con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 13 commenti.

  1. Tutti autori bravissimi, che hanno dato un nuovo senso al fumetto supereroistico.
    Non saprei indicarti il mio preferito… forse se la giocherebbero Ellis e Waid. In più ci aggiungo Ed Brubaker 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: