Il latore di scomode verità

Scrivo il post di oggi con la tristezza mista a un senso di fastidio che non riesco a cancellare.
Tristezza per la morte di una persona passata inosservata a causa di un altro decesso mediaticamente molto più eclatante (mi sto riferendo a Piermario Morosini); il fastidio, invece, è stato cagionato dal leggere alcuni giornali di oggi, bravissimi a darne la notizia minimizzando i contenuti degli ultimi anni per esaltarne il passato difficile.
Mi sto riferendo a Carlo Petrini.
Per chi non lo conoscesse Petrini è stato un attaccante che militato in parecchie squadre importanti di serie A (Milan, Genoa, Torino, Bologna) tra la metà degli anni sessanta e gli inizi degli ottanta.
Ma la sua non fu solo una vita di gloria sportiva, ma anche di amarissime vicende personali legate al calcio scommesse e ai crack finanziari.
Non voglio però dilungarmi in questo aspetto della sua vita (e esorto chi mi legge se volesse saperne di più a consultare la voce di Wikipedia al riguardo), ma voglio parlare dei suoi ultimi anni.
Reso quasi cieco da un glaucoma, Petrini pubblica nel 2000 per la “Kaos edizioni” Nel fango del Dio Pallone, autobiografia della sua vita sportiva e non nel mondo del calcio, un durissimo atto di accusa contro il doping imperante (che Petrini riteneva causa della sua malattia), del malaffare e degli intrallazzi.
Negli dieci anni scriverà con lo stesso editore altri nove libri, tutti altrettanto scomodi e virulenti.
Mai intervistato seriamente dalle testate giornalistiche(le stesse che chiamano come opinionisti inquisiti e condannati), non ha mai ricevuto (per quanto mi è dato sapere) alcuna causa per diffamazione da parte di alcuno.

Vi lascio con un’ultima sua dichiarazione emblematica e inquietante, non solo per il calcio di oggi, ma anche della nostra società.

«Una recente indagine ha dimostrato che un adolescente su tre è disposto a fare uso di sostanze illecite pur di raggiungere il successo nel mondo del calcio. La cosa ancora più inquietante è che il 10% di loro si dichiara ‘pronto a morire per uso di questo sostanze’, pur di assomigliare al proprio idolo sportivo».

Annunci

Pubblicato il 17 aprile 2012, in Articoli con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: