Archivio mensile:luglio 2012

Haiku che passione

Mi sono reso conto che e’ veramente un bel po’, forse troppo, che non aggiorno questa pagina e di conseguenza anche il blog.
E’ stato un periodo duretto, non lo nascondo, per tanti motivi e la voglia di scrivere c’era, ma il modo di esprimerla No.
Sono comunque tornato e con una novità: il formato haiku di Nico.
Alcuni puristi diranno che non seguo la metrica (ossia 7-5-7 nella costruzione versi sillabe), ma chi se frega io sono un anarchico della poesia.
Per haiku intendo un versione bonsai poetica…spero che la nuova iniziativa piaccia.
State collegati…presto altre novità.

In ogni delusione c’è la consapevolezza di un nuovo inizio.

Sì, no, forse. Parole, spesso vuote di significato. Le azioni di solito sono più interpretabili.

L’incertezza di un rifiuto e’ il peggior limbo sulla faccia del pianeta.

Ogni mia parola nel descriverti e’ inadeguata, il tuo essere ne svuota di ogni significato.

Abbasso lo sguardo e evito di fissarti dritto negli occhi. Le inadeguatezze sono troppe.

Primo e ultimo mio pensiero conscio. Solo tu. Sempre tu.

Ti combatto,ma ho già perso. Mai sconfitta fu più dolce.

Innamorato dell’impossibilita’, rimani estasiato a contemplare il cielo gonfio di stelle.

Alla luce del sole le stupidaggini della notte assumono un altro volto.

Il solo sapere che tu sia da qualche parte mi conforta. Stai tranquilla, prima o poi ti troverò.

Ognuno hai suoi demoni, anche io ne ho uno. Terribile e seducente. Sei tu.

Non si possono combattere i mulini a vento. Troppo alto il rischio di prenderle.

Perdermi nei tuoi occhi è così facile che spesso mi domando se il tuo è uno sguardo o un labirinto.