Archivi Blog

Recensione: Uno studio in Smeraldo

copert

Sinossi: quando viene commesso un orrendo omicidio di un membro della famiglia reale, l’ispettore Lestrade brancola nel buio e si vede costretto a coinvolgere un noto consulente investigativo di Baker Street.

Commento: Neil Gaiman è un grande narratore e lo ha dimostrato negli anni e in molteplici forme: sia nei romanzi, sia nei fumetti. Anche con questo racconto breve si dimostra un vero maestro riuscendo a unire in un unico lavoro due elementi all’apparenza inconciliabili: da una parte il famoso Sherlock Holmes, dall’altra gli orrori dell’oscuro maestro di Providence (mi riferisco a Lovecraft).
Il rischio era quello di creare qualcosa di pacchiano, stucchevole e forzato. Gaiman però si dimostra un autore non solo raffinato, ma anche straordinariamente originale. Non rivelo nulla per non togliervi il piacere della scoperta, ma il risultato finale è notevolissimo.

Giudizio finale: Straconsigliato. Il racconto è il primo della antologia “Cose Fragili”, ma merita un discorso a parte… L’idea dell’ambientazione è eccellente e la realizzazione pregevole. Non mi stupisce che questo racconto abbia vinto nel 2004 il prestigioso premio Hugo né che in tempi recenti abbia generato su Kickstarter una compagna di raccolta fondi per un Board Game.
E’ un’ottima idea per una ambientazione per un gioco di ruolo…c’è da pensarci…

Annunci