Archivi Blog

Recensione: Elementi di tenebra

Casa Editrice:
Alacran Edizioni

Anno Edizione:
2005

Pagine:
200

Prezzo:
12.80€

“Posso solamente ribadire che la letteratura a intrigo DEVE rispettare le regole dell’intrigo stesso. Quelle medesime regole possono essere infrante, ma per farlo e’ cruciale conoscerle.”

Estratto da una intervista di Alan D. Altieri su Writersmagazine

Si può consigliare di leggere un manuale che si autodefinisce di scrittura thriller a chi scrittore non è?
Certamente SI.
E lo dice lo stesso Magister nel breve estratto che ho messo in calce alla recensione: per capire il thriller bisogna conoscerne le regole, gli stili, le trappole e gli evitabili luoghi comuni.
Solo così si può essere prima di tutto un lettore attento e critico, e poi un bravo scrittore.
Perché il segreto principale dello scrivere è leggere molto,  lavorando criticamente sul lavoro degli altri per essere in futuro un (per quanto possa essere difficile) buon giudice del proprio.
Il buon Cappi ci porta con mano scherzosa e affidabile in ogni piega più recondita del thriller: partendo dagli albori, facendoci conoscere i maestri e i generi con una dovizia di particolari impressionante.

Giudizio finale: Consigliatissimo. Non è solo un ottimo manuale, ma anche un ottimo libro.

Annunci

Recensione: Santanta di Danilo Arona

SANTANTA
di Danilo Arona – pagine 116 – euro 9,00 – Perdisa Editore

Sinossi: Marina del Rey, California. Il giornalista spagnolo Manuel sta indagando sul vento Santa Ana (o Santanta, dal suo nome indiano), una corrente calda proveniente dal deserto del Mojave, che sembra avere il potere di far impazzire spingendola a commettere atti aberranti e criminali. La realtà  sarà sconvolgente.

Commento: una volta le chiamavano novelle, poi le hanno ribattezzate racconti lunghi o romanzi brevi; rimane comunque innegabile che rimangono un ottimo modo per conoscere un autore senza spendere una cifra esagerata. In questa sua prova Danilo Arona non delude utilizzando la sua prosa asciutta e efficace ci introduce a un climax che esplode deflagrando nella parte finale. Fantastico e attuale si mischiano sapientemente fino a fondersi nella nostra quotidianità facendoci dubitare di essa.
Danilo Arona prepara una pietanza succulenta, ricca, ma che non stomaca; anzi ci spinge a volere una seconda porzione.
Consigliatissimo.